Il Progetto Scuola gialloblù premiato come best practice 2017/18, Tommasi: «Un progetto per la città, che ogni anno regala grandi soddisfazioni»

19/Marzo/2019 - 17:50



Verona - Un importante riconoscimento è stato conferito al Progetto Scuola dell'Hellas Verona 'Gioca con la tua classe' durante l’incontro formativo su Integrity, Antirazzismo e Inclusione che si è svolto lunedì 18 marzo presso lo stadio Olimpico di Roma. In riferimento al programma 'Il Calcio e Le Ore di Lezione', giunto alla sua quarta edizione e nato dall’esigenza di valorizzare le attività teoriche-didattiche rivolte alle Istituzioni Scolastiche di ogni ordine e grado del territorio nazionale, la FIGC ha voluto infatti premiare il Progetto Scuola gialloblù come Best Practice della stagione sportiva 2017/18. Una grande soddisfazione per la società e per tutti gli addetti al progetto, nato nel 2011 in collaborazione con il Dipartimento di Neuroscienze e Biomedicina e Movimento e l'Ufficio Scolastico di Verona. Un coinvolgimento di 65 scuole, più di 300 classi, oltre 7.000 studenti dalla scuola primaria alla secondaria di secondo grado, per una fascia di età compresa tra i 6 e i 17 anni. Fair play, inclusione, legalità, rispetto delle regole e disuguaglianza nelle opportunità, questi gli argomenti e le tematiche proposte, attraverso percorsi motori ed educativi sviluppati anche attraverso gli incontri con gli idoli sportivi dei ragazzi e delle ragazze: i calciatori. Un orgoglio gialloblù, premiato con la consegna del 'Premio Valoriale' ritirato dal responsabile del progetto Zaccaria Tommasi, che ha voluto così ringraziare per il riconoscimento:

«Siamo molto contenti perché si tratta di un progetto che a Verona copre città e provincia. Questo è l'ottavo anno che viene sviluppato, proponendo un percorso sia motorio sia educativo all'interno della scuola. Affrontiamo con i bambini della scuola primaria delle tematiche delicate ma che fanno parte del mondo dello sport, come le emozioni, l'importanza del gioco di squadra, il fair play e le abbiniamo a quelli che noi chiamiamo laboratori, durante cui proponiamo l'attività motoria come messa in pratica di ciò che vedono all'interno della classe. Nelle scuole secondarie di primo e secondo grado facciamo invece incontri sul fair play e sulla disuguaglianza delle opportunità, toccando dunque tematiche legate al razzismo e alla disparità di genere nel mondo sportivo. Portiamo dei testimonial nelle classi, per degli incontri con chi lavora nel mondo sportivo come calciatori o tecnici, e questo percorso si conclude con un invito allo stadio. Si tratta di una festa conclusiva che organizziamo solitamente per le ultime partite del campionato, dove i ragazzi, grazie anche alla struttura dello stadio 'Bentegodi', possono sfilare sulla pista di atletica e assistere alla partita da una zona a loro dedicata che è quella dell'Area Family con i genitori. Quando scendono in campo hanno inoltre la possibilità di vedere gli striscioni che hanno creato durante l'anno e che riportano le tematiche affrontate. È un progetto che ogni anno ci regala soddisfazioni e questo premio è una di queste. Un ringraziamento particolare a tutti gli istruttori del settore giovanile e scuola calcio che in questi anni hanno svolto un lavoro eccezionale con i bambini nelle varie scuole».

I contenuti sono liberamente riproducibili, salvo l’obbligo di citare la fonte hellasverona.it