Berardi: «Mai smesso di seguire il Verona, tornato per dare il mio contributo sul campo e fuori» / VIDEO

16/Gennaio/2019 - 16:30



 

Verona - Le principali dichiarazioni del nuovo portiere gialloblù Alessandro Berardi, rilasciate in occasione del media event dedicato alla sua presentazione.

«Il mio ritorno? Io sono stato qui l’anno della promozione, nel 2012, mi auguro di portar fortuna e dare il mio contributo. È una realtà a cui sono sempre rimasto legato, e poi anche a livello di squadra ho trovato un gruppo unito. Grosso? Il mister ha una sua idea di gioco e una sua impostazione, riesce a trasmettere tranquillità e sicurezza. È stato bravo a tenere unito il gruppo, ho sempre seguito il Verona e nel momento più difficile è stato bravo proprio il mister, unito con il gruppo, a trovare la strada giusta. Quanto è difficile fare il secondo? Prima di Bari avevo trovato continuità in Lega Pro. Chiunque vorrebbe giocare, ma non sempre si può dare il proprio contributo. C’è comunque una settimana di preparazione e ci sono altri modi per aiutare il gruppo e io credo di essere bravo in entrambi. La partita di domenica? Sappiamo che il Padova ha cambiato tanto e i nuovi vorranno fare una grande partita vista la voglia di riscatto per aver giocato poco. Noi l’abbiamo preparata sì sull’avversario, ma con la consapevolezza delle nostre idea e della nostra identità. Di certo troveranno un Verona tosto. Difetti di Davide? Sono di parte, è un ragazzo buono e un giocatore pronto per la categoria, lo conosco e so che può fare ancor meglio. Differenze con la mia prima esperienza? Quel Verona era più esperto a livello di età, ora c’è più qualità, la squadra più forte tecnicamente. Spero che ripeteremo la stessa cavalcata riportando la gente allo stadio, perché quando ci si trova il Bentegodi pieno è difficile giocare per gli avversari».

I contenuti sono liberamente riproducibili, salvo l’obbligo di citare la fonte hellasverona.it