Grosso: «Finalmente si comincia!» / VIDEO

24/Agosto/2018 - 15:30



 

Verona - Le principali dichiarazioni dell'allenatore gialloblù Fabio Grosso, rilasciate in vista di Hellas Verona-Padova, 1a giornata di Serie BKT 2018/19.

«Siamo contenti di iniziare finalmente questa avventura. Si parte subito con un derby, quindi sappiamo quali insidie ci aspettano. Il nostro spirito deve essere lo stesso a prescindere dall'avversario. Siamo un gruppo quasi completamente nuovo e questo comporta un po' di tempo per conoscersi, ma ciò non deve essere un alibi, dovremo farci trovare pronti. Le squadre che arriveranno fino in fondo saranno quelle che meglio sapranno gestire i fisiologici momenti di difficoltà. Formazione? Ho tanti bravi giocatori a disposizione, penserò fino alla fine alla migliore formazione possibile. Avendo un gruppo con così tanta qualità a ogni partita ci saranno buoni giocatori in panchina, questa per noi è una grande opportunità perché le partite si vincono con chi inizia ma vengono determinate da chi subentra. Non è il modulo che determina l'identità, ma bensì altre caratteristiche che vogliamo perseguire fino in fondo. Dopo Catania? Non ho mai pensato di non incontrare difficoltà, ci servono anzi per migliorare e alla base c'è la grande disponibilità dei ragazzi a voler fare una grande stagione. Che partita mi aspetto? Il Padova verrà con una mentalità forte e vorrà mettere in difficoltà una squadra di valore, noi dobbiamo pareggiare l'intensità e l'energia degli avversari per poi far uscire le nostre qualità. Sarà una partita difficile, ma dovremo essere bravi dalle difficoltà a venirne fuori. Tutti gli interpreti della rosa stanno meglio, stiamo migliorando in condizione e domenica possiamo fare una grande partita, perché è importante partire con il piede giusto e ricreare quell'entusiasmo che vogliamo. Cosa penserò quando entrerò al Bentegodi? Sento la responsabilità di rappresentare un grande club con una grandissima tifoseria alle spalle, quindi ogni giorno proverò a dare tutto quello che ho per fare ciò per cui sono venuto qui. Voglio trasmettere ai ragazzi la mia passione per il lavoro, deve essere la base per poi proporre le nostre qualità tecniche. Quale sarà l'identità del mio Verona? Quello a cui voglio arrivare è una squadra che abbia equilibrio in campo e che riesca a esprimere le qualità dei propri interpreti».

I contenuti sono liberamente riproducibili, salvo l’obbligo di citare la fonte hellasverona.it