Hellas Verona-Padova 2-2

17/Settembre/2011 - 00:04



 VERONA – Contro il Padova l’Hellas ottiene il primo pareggio in campionato: due volte avanti con Russo e D’Alessandro, i gialloblù si sono visti raggiungere prima da Cutolo e poi da Cacia. Primo tempo di grande intensità per Rafael e compagni, ripresa ad un ritmo leggermente inferiore ma che conferma i progressi di questo scorcio di stagione.

Mandorlini ribalta le previsioni della vigilia e schiera dal 1’ Mareco e Bjelanovic, acquistati dal club scaligero nell’ultimo giorno di mercato. Dal Canto risponde col recuperato Schiavi al centro della difesa, Milanetto in cabina di regia e Cacia affiancato da Cutolo e Lazarevic.

PRIMO TEMPO. Punizione dalla trequarti di Marcolini (12’), Trevisan devia di testa, palla alta. Al quarto d’ora Gomez Taleb conduce il contropiede triangolando con Bjelanovic, servizio smarcante dell’ex Atalanta mandato in angolo dalla difesa. Al 21’ l’argentino sguscia via sulla sinistra ed effettua un bel traversone, puntuale Russo da due passi ad insaccare in rete per il vantaggio gialloblù. I biancoscudati pareggiano i conti al 28’, con un tiro dal limite di Cutolo che tocca la parte inferiore della traversa e supera la linea di porta. Punizione poco distante dalla bandierina di Hallfredsson (32’), Maietta arriva con un’attimo di ritardo per l’incornata. La squadra scaligera ritorna in vantaggio al 34’, quando D’Alessandro batte Pelizzoli con un destro al volo su cross preciso di Scaglia. Galvanizzati dal sorpasso, gli uomini di Mandorlini (espulso dopo la marcatura di Cutolo) giungono alla conclusione dai venti metri con Tachtsidis (37’), la sfera finisce alta sopra la traversa. Gomez Taleb salta l’uomo al limite (43’) ed appoggia per Russo, mancino deviato in angolo.

SECONDO TEMPO. In apertura di ripresa azione in verticale degli ospiti a tagliare la retroguardia dell’Hellas, Cacia riceve spalle alla porta, si gira e a tu per tu con Rafael manda la palla sotto la traversa (53’) trovando il 2-2. Al 56’ destro in palleggio dai sedici metri di Abbate, fuori di poco. Marcolini libera sulla sinistra Lazarevic (71’), l’estremo difensore gialloblù chiude in uscita. Discesa sulla destra di Abbate (83’), Trevisan spazza in angolo dopo l’intervento di Ferrari. Punizione di Russo all’86’, il rasoterra del centrocampista siciliano finisce fuori di poco. Il neo-entrato Ruopolo colpisce di punta (88’), conclusione alta sopra la traversa.

Hellas Verona-Padova 2-2

Marcatori: 21’ Russo, 28’ Cutolo, 34’ D’Alessandro, 53’ Cacia

Hellas Verona: 1 Rafael; 13 Abbate, 17 Mareco, 22 Maietta, 25 Scaglia; 8 Russo, 77 Tachtsidis, 10 Hallfredsson; 21 Gomez Taleb (81’ 4 Esposito), 32 Bjelanovic (65’ 9 Ferarri), 14 D’Alessandro (65’ 27 Berrettoni).
A disposizione: 12 Nicolas, 5 Ceccarelli, 7 Mancini, 23 Cangi.
Allenatore: Andrea Mandorlini

Padova: 22 Pelizzoli; 13 Legati, 14 Schiavi, 6 Trevisan, 33 Renzetti; 88 Cuffa, 70 Milanetto, 7 Marcolini; 23 Lazarevic, 10 Cacia (87’ 28 Ruopolo), 11 Cutolo (65’ 45 Drame).
A disposizione: 73 Perin, 2 Donati, 4 Portin, 20 Osuji, 77 Italiano.
Allenatore: Alessandro Dal Canto

Arbitro: Maurizio Ciampi (Sez. arbitrale di Roma 1)

Note. Ammoniti: Cutolo, Renzetti, Cuffa, Lazarevic. Espulsi: Mandorlini al 30'. Recupero: 1’-4’. Spettatori: 15.315

Ufficio Stampa

I contenuti sono liberamente riproducibili, salvo l’obbligo di citare la fonte hellasverona.it

Seguici anche su instagram