CATANZARO - HELLAS VERONA 1-1, PER I GIALLOBLU' SFUMA DEFINITIVAMENTE L'OBIETTIVO PLAY-OFF

05/Giugno/2005 - 22:34



CATANZARO - L'1-1 del "Ceravolo" chiude definitivamente le porte dei play-off all'Hellas Verona. Il quarto pareggio consecutivo lontano dal "Bentegodi", ottenuto contro il Catanzaro, peraltro già matematicamente retrocesso, toglie alla squadra di Massimo Ficcadenti ogni possibilità di agganciare il sesto posto.

Nonostante i risultati favorevoli delle dirette concorrenti giunti dagli altri campi, i gialloblù, ora a quota 58 punti, sono tagliati fuori: Ascoli (59) e Modena (61) sabato prossimo si giocheranno nello scontro diretto l'ultimo posto utile per la corsa alla Serie A.

Ficcadenti rinuncia agli squalificati Rosina e Vanstrattan, oltre agli indisponibili Didie Angan, Valon Behrami e Alberto Comazzi.

Il tecnico schiera Mazzola in mezzo al campo, affiancato da Soligo e De Simone. L'attacco, assente il nazionale Bogdani, viene affidato ad Artistico, Cossu e Adailton.

La gara inizia con un brivido in area scaligera: al 1’ infatti Diliso colpisce di destro al volo sugli sviluppi di un calcio d'angolo, la palla sfila di poco a lato.

Al 21' il primo sussulto gialloblù: Adailton, dopo uno scambio in velocità con Artistico, conclude di poco a lato dal limite calciando con il sinistro. Poco dopo miracolo di D'Urso che para la conclusione ravvicinata di Artistico a botta sicura.

Adailton ruba palla al 28' serve Cossu che dal limite conclude di piatto destro, ma D'Urso è bravo a bloccare a terra.

Il Catanzaro ci prova con Agnelli dal limite, ma la conclusione dal limite dell'ex gialloblù finisce altissima sopra la traversa. L'ultima emozione del primo tempo è firmata da Cossu: il fantasista gialloblù tira con il destro di controbalzo, palla in corner.

Nella ripresa Ficcadenti cambia le carte in tavola, sostituendo Artistico e Cossu con Papa Waigo e Iunco. I due neo entrati si fanno subito notare per intraprendenza: al 54' Iunco conclude un contropiede di Soligo crossando per Waigo, il cui colpo di testa in tuffo viene parato dal portiere.

Il Catanzaro si rende pericoloso con Arcadio che impegna severamente Pegolo, poi Biasi mette in corner. Al 58' i padroni di casa passano in vantaggio con un gol di Ottonello che trova l'incrocio dei pali con un gran sinistro.

Al 65' l'Hellas giunge al meritato pareggio con Antimo Iunco, che mette in rete un perfetto assist rasoterra di Papa Waigo. Un minuto più tardi, bella iniziativa dello stesso Iunco, palla per Dossena che crossa per la testa di Papa Waigo: palla alta sulla traversa.

L'Hellas insiste alla ricerca del raddoppio, sfiorato da Soligo, che a due passi dalla porta calcia forte di sinistro, ma ancora una volta è bravo D'Urso a salvare la sua porta.

All'89' l'ultima occasione per i gialloblù con Adailton, che sfiora di testa il palo più lontano su cross dalla destra di Cassani.


Il tabellino

U.S. CATANZARO - HELLAS VERONA F.C. 1-1 (0-0)

U.S. CATANZARO
D'Urso; Dei (76’ Corapi), Pastore, Criniti; Diliso, Miceli, Agnelli (80’ Talarico), Nocerino, Ottonello; Corona, Arcadio. All. Bolchi.

HELLAS VERONA F.C.
Pegolo; Cassani, Gervasoni, Biasi, Dossena; Soligo (80' Mancinelli), Mazzola, De Simone; Cossu (51' Papa Waigo), Artistico (51’ Iunco), Adailton. All. Ficcadenti

Arbitro: Pantana di Macerata
Ammoniti: Criniti, Miceli, De Simone, Corona
Espulsi: -
Recupero: 1' e 3'


Stefano Marchesi
Ufficio Stampa Hellas Verona F.C.

I contenuti sono liberamente riproducibili, salvo l’obbligo di citare la fonte hellasverona.it

Seguici anche su instagram