BARI - HELLAS VERONA 1-0: GIALLOBLU' DECIMATI DALLE ASSENZE E BATTUTI DAL GOL DI DIONIGI

20/Febbraio/2005 - 17:00



BARI – Un Hellas Verona largamente rimaneggiato esce purtroppo a mani vuote dallo stadio "San Nicola" contro un Bari in formazione tipo. La squadra di Massimo Ficcadenti non demerita, nonostante scenda in campo con una formazione di assoluta emergenza, ma paga l'unico episodio in cui i padroni di casa si sono resi realmente pericolosi.

L'Hellas viene dunque superato di misura per 1-0 grazie alla rete di Dionigi al 25'.
Come detto, i gialloblù lamentano una serie incredibile di defezioni: lo squalificato Comazzi e gli indisponibili Adailton, Artistico, Behrami e Cossu.

Massimo Ficcadenti deve fare i conti anche con l'influenza che mette k.o. anche De Simone e capitan Mazzola, oltre a debilitare Gervasoni e Turati.

Il tecnico scaligero propone Angan in difesa, al debutto stagionale, mentre in mezzo al campo è obligato a schierare l'inedito trio Soligo-Pizzinat-Mancinelli.

Nonostante le tante novità, i gialloblù partono comunque a buon ritmo e mostrano di voler reagire con carattere al momento negativo.

Bogdani ci prova di testa al 17' su cross dalla trequarti di Mancinelli, per il Bari risponde Gazzi con una conclusione abbondantemente alta sulla traversa.

Al 23' il Bari passa in vantaggio con Davide Dionigi: Dossena perde palla ingenuamente sul pressing di La Vista, sull'azione susseguente Dionigi viene servito all'altezza del secondo palo e insacca il gol dell'1-0.

I gialloblù si rendono pericolosi con Iunco su cross di Cassani dalla destra, ma il pallone finisce a lato della porta pugliese.

La ripresa inizia con Rosina che tenta di sorprendere Gillet con una punizione dai 25 metri, ma l'estremo difensore biancorosso blocca il pallone.

Al 58' l'Hellas confeziona una buona azione offensiva, conclusa da un cross di Cassani, sul quale Mancinelli arriva con un attimo di ritardo. Hellas in dicei uomini dal 74' per l'espulsione di Lionel Pizzinat, ammonito duq volte da Rizzoli di Bologna.

L'occasione migliore per i gialloblù arriva al 92', quando Papa Waigo (nella foto), subentrato a Iunco nel corso della ripresa, che ,a tu per tu con Gillet, scarica addosso al portiere barese la palla del possibile pareggio.

La sconfitta della squadra gialloblù lascia un grande rammarico proprio per le condizioni in cui Biasi e compagni hanno dovuto disputare la gara del "San Nicola". Sul campo i ragazzi di Ficcadenti non hanno demeritato, per impegno, coraggio e grinta.

E' evidente che non sarebbe stato facile giocare con un centrocampo del tutto inedito, che tutto sommato ha ben figurato.
La gara è stata decisa infatti dall'unico episodio in cui il Bari si è presentato dalle parti di Pegolo.

La sconfitta di Bari, per il modo in cui è arrivata, non deve far preoccupare: la classifica è comunque positiva e la prossima gara casalinga con l'Ascoli, avversaria diretta dei gialloblù, potrà essere un'ottima occasione per vedere all'opera il vero Hellas.




Il tabellino

A.S. BARI - HELLAS VERONA F.C. 1-0 (1-0)

Reti: 25’ Dionigi

A.S. BARI
Gillet, Bellavista, Brioschi, Sibilano, Scaglia, Gazzi, Rajcic (63' Micolucci), La Vista (87' Anaclerio), Snatoruvo, Dionigi (78' Romanelli). All. Carboni.

HELLAS VERONA F.C.
Pegolo, Cassani, Angan (76' Gervasoni), Biasi, Dossena, Soligo, Pizzinat, Mancinelli, Rosina, Bogdani, Iunco (63' Waigo). All. Ficcadenti.

Arbitro: Rizzoli di Bologna
Ammoniti: Biasi, Dionigi, Pizzinat, Brioschi, Cassani
Espulsi: 74' Pizzinat
Recupero: 0' e 4'



Stefano Marchesi
Ufficio Stampa Hellas Verona F.C.

I contenuti sono liberamente riproducibili, salvo l’obbligo di citare la fonte hellasverona.it

Seguici anche su instagram