AREZZO - HELLAS VERONA 2-1: NON BASTA IL GIOIELLO DI ADAILTON, GIALLOBLU' BEFFATI NEL FINALE

06/Febbraio/2005 - 13:53



AREZZO – Allo stadio "Comunale" l'Hellas viene superato di misura per 2-1 dall'Arezzo.
La squadra di Massimo Ficcadenti, priva di ben quattro titolari (Bogdani, Cassani, Cossu e Guarente), disputa un buon primo tempo producendo anche alcune interessanti occasioni da gol.

Pagotto salva la sua porta in almento tre occasoni nel corso dei primi quarantacinque minuti.
Al 10' Ciccio Artistico, all'esordio in gialloblù, verticalizza ottimamente per Adailton che, lanciato a rete, viene anticipato dall'estremo difensore in uscita.

Poco dopo è ancora il brasiliano ad impegnare Pagotto con una mezza girata di sinistro. Al 16' contropiede di Waigo che batte verso la porta di potenza, ma Pagotto blocca il pallone.

L'occasione migliore per i gialloblù arriva al 31', quando Artistico riesce a deviare in porta un preciso cross di Dossena dalla sinistra: Pagotto compie un autentico miracolo e salva il risultato.

La ripresa inizia con una punizione di Adailton sfiorata al volo da Turati: ancora una volta Pagotto blocca la sfera.

Al 54' l'Arezzo passa in vantaggio con l'autentica bestia nera dell'Hellas e di Pegolo, ovvero Gionatha Spinesi, all'ottavo centro con la formazione scaligera. Lavecchia crossa dalla destra, Comazzi scivola e Spinesi ne approfitta siglando l'1-0.

Poi l'ex Abbruscato sfiora la porta di Pegolo mettendo a lato da buona posizione una rasoterra di Pasqual.
Al 69' Rosina, subentrato a Waigo, si mette subito in evidenza: recupera palla e serve Artistico che, al limite dell'area lascia partire un sinistro rasoterra, ben parato da Pagotto.

Al 75' l'Hellas trova il meritato pareggio con una magistrale punizione di Martins Adailton (nella foto). Il brasiliano, al 9° centro stagionale, fissa il risultato sull'1-1 con un colpo da vero campione.

Poco dopo ancora Adailton ha la possibilità di raddoppiare, ancora su calcio da fermo, ma la palla finisce appena sopra l'incrocio dei pali.

Al minuto 82, ancora Hellas pericoloso: Artistico fa la sponda per Behrami che dal limite dell'area calcia alto sulla traversa.
Lo stesso Behrami lascia il campo in barella, al suo posto il debuttante Soligo.

All'85' l'Arezzo trova il jolly con una punizione dai 25 metri di Andrea Gentile, la cui parabola passa indisturbata in area beffando Pegolo sul secondo palo: i toscani si portano dunque sul 2-1.

Mirko Conte e Marco Turati vengono espulsi all'87' per reciproche scorrettezze. Ma all'origine dell'episodio c'è un netto fallo in area di rigore ai danni del difensore gialloblù, non sanzionato dall'arbitro Palanca.

L'ultimo tentativo della gara è ancora della formazione scaligera, con Rosina: l'attaccante romagnolo calcia di prima una palla vagante in area amaranto, ma la sua conclusione attraversa tutto lo specchio della porta e termina sul fondo.

La sconfitta, per quanto si è visto sul campo, è sicuramente immeritata, soprattutto per il gran numero di palle gol create dalla squadra di Ficcadenti.

La gara è stata decisa da un episodio poco fortunato al termine di novanta minuti compabbuti dai ragazzi gialloblù, penalizzati dalle numerose assenze.

Complici anche i risultati delle dirette avversarie, la sconfitta di Arezzo non cambia molto la classifica, che resta comunque molto positiva, anche in vista della prossima gara casalinga con il Cesena.




Il tabellino

A.C. AREZZO - HELLAS VERONA F.C. 2-1 (0-0)

Reti: 54’ Spinesi, 75' Adailton, 85' Gentile

A.C. AREZZO
Pagotto, Conte, Gonnella, Scotti, Lavecchia, Gentile, Passiglia, Pasqual, De Zerbi (46' Vigna), Spinesi (88' Barbagli), Abbruscato. All. Marino.

HELLAS VERONA F.C.
Pegolo, Turati, Comazzi, Biasi, Dossena, Behrami (83' Soligo), Mazzola, Mancinelli, Adailton, Artistico, Waigo (65' Rosina). All. Ficcadenti.

Arbitro: Palanca di Roma
Ammoniti: Dossena, Mancinelli, Passiglia
Espulsi: 87' Conte e Turati
Recupero: 1' e 5'



Stefano Marchesi
Ufficio Stampa Hellas Verona F.C.

I contenuti sono liberamente riproducibili, salvo l’obbligo di citare la fonte hellasverona.it

Seguici anche su instagram