PERUGIA - HELLAS VERONA 0-2: I GIALLOBLU' TORNANO ALLA VITTORIA CONTRO I GRIFONI

12/Dicembre/2004 - 17:12



PERUGIA – I gialloblù espugnano il "Curi" dieci anni dopo l'impresa compiuta quando Massimo Ficcadenti indossava i colori dell'Hellas Verona da calciatore.
Allora finì 4-3 grazie ad una tripletta di Cammarata, ora con Ficcadenti in panchina il risultato è un secco e meritato 2-0.

Il tecnico scaligero deve fare i conti con le assenze di Behrami (squalificato) e Cossu (problema muscolare): al loro posto rispettivamente Tiberio Guarente e Papa Waigo.

Sin dall'inizio l'Hellas non mostra timori reverenziali e si fa vivo dalle parti del gigante Kalac in più occasioni: al 12' è capitan Mazzola che di testa mette paura agli umbri su punizione di Italiano, poi tocca a Bogdani, che sfiora il vantaggio di testa sul cross dalla destra di Adailton.

Poco prima Pegolo aveva risposto da campione sul colpo di testa di Delvecchio, salvando la porta gialloblù con un riflesso straordinario.

L'Hellas continua a premere e Kalac si salva in una paio di frangenti, prima su Guarente e poi su Adailton.

Al 20' arriva il vantaggio gialloblù, grazie ad un'autorete di Delvecchio: su corner dalla destra di Adailton, Dario Biasi (nella foto), piazzato all'altezza del secondo palo, impatta male il pallone che carambola sul corpo del difensore umbro e finisce nel sacco.

Prima del riposo c'è ancora del lavoro per i due portieri: Kalac deve neutralizzare due conclusioni di Adailton e Waigo, Pegolo si oppone con efficacia a Ferreira.

Ad inizio ripresa il miracolo deve farlo Kalac sulla gran botta dal limite di Italiano, mettendo la palla in corner.

Al 58' brivido in area gialloblù, con il neo entrato Scandurra che coglie in pieno la traversa della porta di Pegolo.

Il Perugia si innervosisce, la gara si fa spigolosa: all'82' Coly commette una scorrettezza su Guarente a gioco fermo, mentre Alioui colpisce con una manata al volto Dossena.

Nucini vede tutto ed è costretto ad espellere entrambi i difensori di Colantuono, lasciando il Perugia in nove uomini.

L'arbitro deve interrompere la partita per almeno un paio di minuti per le intemperanze dei tifosi umbri, che lanciano di tutto all'interno del terreno di gioco, in particolare nell'area di Pegolo.

La gara riprende a campi invertiti e Nucini decreta ben 8 minuti di recupero, anche a causa della precedente perdita di tempo.

Al 92' Erjon Bogdani mette dentro la palla del 2-0, al termine di una bella iniziativa personale. Il 10° sigillo del centravanti albanese in campionato mette la parola fine alla partita e alle speranza del Perugia.




Il tabellino

A.C. PERUGIA - HELLAS VERONA F.C. 0-2 (0-1)

Reti: 20’ aut. Delvecchio; 92' Bogdani

A.C. PERUGIA
Kalac, Coly, Alioui, Di Loreto, Milanese, Delvecchio, Baiocco, Di Francesco (67' Muntasser), Ferreira, Do Prado (46’ Scandurra), Mascara (60’ Floro Flores). All. Colantuono.

HELLAS VERONA F.C.
Pegolo, Cassani, Comazzi, Biasi, Dossena, Italiano, Mazzola, Guarente, Adailton (75’ Agnelli), Bogdani, Waigo (96’ Pagliuca). All. Ficcadenti.

Arbitro: Nucini di Bergamo
Ammoniti: Baiocco, Biasi, Guarente, Cassani, Delvecchio
Espulsi: 82' Coly e Alioui
Recupero: 2' e 8'



Stefano Marchesi
Ufficio Stampa Hellas Verona F.C.

I contenuti sono liberamente riproducibili, salvo l’obbligo di citare la fonte hellasverona.it

Seguici anche su instagram