GENOA - HELLAS VERONA 1-1: ADAILTON FIRMA L'IMPRESA GIALLOBLU' A MARASSI

26/Ottobre/2004 - 22:37



GENOVA - L'Hellas Verona è la prima squadra che riesce ad uscire imbattuta da Marassi dall'inizio del campionato 2004/2005. Con una prestazione di grande carattere e volontà, la squadra di Massimo Ficcadenti conquista un punto importantissimo perchè strappato al Genoa di Serse Cosmi, corazzata costruita da Preziosi per vincere il campionato.

Entrambi i tecnici, Ficcadenti e Cosmi, mantengono fede alle previsioni della vigilia, non apportando variazioni agli assetti delle proprie squadre.

Il Genoa parte fortissimo, cercando di mettere i difficoltà i gialloblù imponendo un ritmo forsennato ai primi minuti di gioco.

Il Grifone trova il vantaggio al 4', alla prima occasione utile con Milito su cross di Caccia, che però parte in sospetta posizione di fuorigioco. Per il bomber argentino è il settimo sigillo stagionale in campionato.

All'11 Scarpi para agevolmente un potente destro da fuori di Italiano, mentre pochi minuti iù tardi Cossu conclude fuori dallo specchio al termine di un'azione ben manovrata.

Appena si abbassano i ritmi di gioco, l'Hellas prende maggiori iniziative e tiene bene il campo di fronte ad un avversario sostenuto dai ventimila del Marassi.

Il numero 1 rossoblù si ripete al 26' sul missile da circa 30 metri di Andrea Dossena, deviato con i pugni in fallo laterale. Al 29' Caccia manca un'occasione propizia calciando alto da posizione favorevole.

Il primo tempo racconta dunque una gara equilibrata, con l'Hellas in vantaggio nel possesso palla sul campo avversario.

La ripresa inizia molto bene per i gialloblù che trovano il pareggio al 52': Bogdani si muove bene ai limiti dell'area di rigore e, favorito da un rimpallo, serve Martins Adailton.
La conclusione del brasiliano, sporcata da Stellini, finisce alle spalle di Scarpi: è 1-1 a Marassi.

Adailton, con i suoi 5 gol, diventa insieme a Bogdani il miglior marcatore dell'Hellas in campionato.

Intorno al quarto d'ora del secondo tempo i due tecnici operano alcuni cambi: Cosmi inserisce Makinwa per Caccia, mentre Ficcadenti getta nella mischia Iunco per Cossu.
Proprio Iunco, insieme ad Adailton crea in più occasioni scompiglio nella retroguardia rossoblù.

Al 68' Milito elude la guardia di Comazzi e si dirige verso la porta di Pegolo: Mattia Cassani aggancia il destro dell'argentino e lo atterra: per Mazzoleni è espulsione diretta, Hellas in dieci uomini negli ultimi venti minuti di gara.

Ficcadenti corre ai ripari e inserisce il difensore Gervasoni al posto di Adailton. Poco dopo un grandissimo Valon Behrami, ex di turno, conclude di poco alto sulla traversa con un potente diagonale dalla destra.

Al 73' Gianluca Pegolo salva il risultato su un gran destro dalla distanza di Nocerino, appena subentrato a Brevi.
L'estremo difensore gialloblù si ripete all'80' sull'angolato colpo di testa di Milito.

Negli ultimi minuti di gara l'Hellas, anche se in inferiorità numerica, con grande determinazione si difende, ma non rinuncia ad attaccare per costringere il Genoa a mantenere alta la guardia.

Al fischio finale i gialloblù realizzano di aver compiuto un'impresa fondamentale sul campo di una delle formazioni più accreditate per la vittoria del campionato.

Un punto che vale oro per la squadra di Massimo Ficcadenti, che si porta a quota 14 in classifica e si appresta ad affrontare un doppio turno casalingo con Modena e Albinoleffe.


Il tabellino

GENOA C.F.C. - HELLAS VERONA F.C. 1-1 (1-0)

Reti: 3' Milito, 52’ Adailton

GENOA C.F.C.
Scarpi, Lamacchi, Stellini, Sottil Tosto, Lazetic, Brevi (72' Nocerino), Tedesco, Cozza, Caccia (54' Makinwa), Milito. All. Cosmi.

HELLAS VERONA F.C.
Pegolo, Cassani, Comazzi, Biasi, Dossena, Behrami, Mazzola, Italiano, Adailton (69’ Gervasoni), Bogdani, Cossu (62' Iunco, 90' Waigo). All. Ficcadenti.

Arbitro: Mazzoleni di Bergamo
Ammoniti: Brevi, Adailton, Stellini, Gervasoni
Espulsi: 68' Cassani
Recupero: 1' e 4'



Stefano Marchesi
Ufficio Stampa Hellas Verona F.C.

I contenuti sono liberamente riproducibili, salvo l’obbligo di citare la fonte hellasverona.it

Seguici anche su instagram