TRIESTINA - HELLAS VERONA 1-2: CAPOLAVORO GIALLOBLU' AL "NEREO ROCCO" CON ADAILTON E BOGDANI

24/Ottobre/2004 - 14:24



TRIESTE - Grazie ai gol di Adailton e Bogdani, al "Nereo Rocco" di Trieste l'Hellas mette a segno un'importante successo esterno, il secondo dopo la vittoriosa trasferta di Cesena.
Tredici punti, con tredici gol fatti e sei subiti, l'attacco scaligero è il terzo della Serie B: questo il ricco bottino dei gialloblù nelle ultime sei partite di campionato.

Massimo Ficcadenti non cambia l'undici che ha dominato il Catania al "Bentegodi" sabato scorso e, con il passare dei minuti il campo gli dà pienamente ragione: i gialloblù sono padroni del campo, aggrediscono la Triestina con manovre corali ben organizzate, lasciando alla formazione alabadata solo qualche sporadica iniziativa in contropiede.

Al 21’ Dossena entra in area dalla sinistra e mette in mezzo per Bogdani, che viene anticipato di un soffio da un difensore.
Sessanta secondi più tardi è però un autentico miracolo di Gianluca Pegolo su colpo di testa di Rigoni ad evitare la rete dei padroni di casa.

Allo scadere della prima frazione di gioco, Adailton tenta la botta da fuori area, ma Campagnolo, nonostante la deviazione di un difensore, para a terra.

La Triestina prova ad attaccare ad inizio ripresa con Soligo, la cui conclusione da fuori area termina di poco alta sulla traversa.

Al 54' Martins Adailton lanciato a rete viene atterrato fallosamente da Pianu: l’arbitro ammonisce il difensore (poteva starci anche il rosso) e assegna il calcio di rigore all'Hellas: il brasiliano dal dischetto spiazza Campagnolo e firma l'1-0. Per Adilton è il quarto gol personale.

Al 62’ il biancorosso Bianchi viene espulso per una scorrettezza a palla lontana ai danni di Italiano: Triestina in dieci uomini.

Ma la squadra di Tesser non demorde e, nonostante l'inferiorità numerica perviene al pareggio grazie ad un'intuizione di Godeas, che dal fondo riesce a mettere in mezzo il pallone per Davide Moscardelli: il bomber alabardato di sinistro lo spedisce alle spalle di Pegolo e fa 1-1 al minuto 68.

Due minuti più tardi l'arbitro De Marco annulla un gol di Bogdani che, servito ottimamente da Biasi, mette in rete il pallone. Marcatura invalidata per fuorigioco dell'attaccante albanese.

Ficcadenti inserisce Iunco per Cossu, ed è proprio l'attaccante brindisino, al 88', a servire una palla d'oro a Erjon Bogdani che vale il raddoppio dell’Hellas Verona: il bomber gialloblù beffa il suo marcvatore e mette il suo sigillo sul definitivo 2-1 per la formazione scaligera.

I ragazzi di Ficcadenti hanno dato ancora una volta una grande dimostrazione di carattere, credendo fino in fondo ad una vittoria che andava conquistata a tutti i costi, contro un avversario in inferiorità numerica.

Sette giorni orsono, contro il Catania, i gialloblù erano stati spietati, non regalando nulla ai siciliani. A Trieste forse i padroni di casa hanno pareggiato nell'unica sbavatura dell’Hellas nel corso dei 90 minuti.

Ma con grande personalità, i ragazzi di Ficcadenti non si sono persi d'animo, ripartendo all’assalto dell’area alabardata alla ricerca di un'impresa fortemente voluta e, dunque, strameritata.


Il tabellino

U.S. TRIESTINA - HELLAS VERONA F.C. 1-2 (0-0)

Reti: 56’ Adailton, 68' Moscardelli, 88’ Bogdani

U.S. TRIESTINA
Campagnolo, Bianchi, Pecorari, Pianu, Bruni, Soligo, Munari, Galloppa (57’ Princivalli), Rigoni (71' Piva), Baù (42’ Moscardelli), Godeas. All. Tesser.

HELLAS VERONA F.C.
Pegolo, Cassani, Comazzi, Biasi, Dossena, Behrami, Mazzola, Italiano, Adailton (89’ Waigo), Bogdani, Cossu (78' Iunco). All. Ficcadenti.

Arbitro: De Marco di Chiavari
Ammoniti: Dossena, Soligo, Cossu, Pianu, Moscardelli
Espulsi: 62' Bianchi
Recupero: 2' e 3'



Stefano Marchesi
Ufficio Stampa Hellas Verona F.C.

I contenuti sono liberamente riproducibili, salvo l’obbligo di citare la fonte hellasverona.it

Seguici anche su instagram