VENEZIA - HELLAS VERONA 3-2, INCREDIBILE SCONFITTA DEI GIALLOBLU' AL "PENZO"

21/Settembre/2004 - 22:31



VENEZIA – Un Verona dai due volti rimedia un’incredibile sconfitta per 3-2 al “Penzo”, dopo aver letteralmente dominato i padroni di casa per tutto il primo tempo, surclassando la squadra di Ribas sotto tutti i punti di vista e segnando due reti, oltre ad aver collezionato almento altre cinque palle gol.

La ripresa ha invece visto il prepotente ritorno degli arancioneroverdi, che hanno cercato con insistenza di rimontare il risultato e ci sono riusciti, dimostrando grande carattere e determinazione, nonostante lo svantaggio di due reti.

I gialloblù possono solo rammaricarsi per una vittoria che avevano in tasca e hanno invece gettato al vento, per colpa di un paio di gravi disattenzioni difensive.

Il tecnico scaligero Massimo Ficcadenti conferma la formazione che aveva giocato con l’Empoli, inserendo Guarente per Agnelli.

Inizialmente la gara è molto fallosa, ma i gialloblù iniziano con un buon ritmo, giocando prevalentemente in velocità sulle fasce con Cossu e Behrami, con un Guarente molto attivo sia in fase di interdizione che di impostazione.

All’11’ l’Hellas passa in vantaggio alla prima occasione utile con un contropiede condotto da Cassani che serve Erjon Bogdani con un preciso rasoterra all’altezza del primo palo: la punta albanese di prima intenzione spedisce il pallone alle spalle di Benussi.

Al 14’ grandissima azione dei gialloblù: Cossu serve Adailton che impegna severamente Benussi. Il portiere dei lagunari salva la sua porta e vede Bogdani spedire alto di testa sulla successiva ribattuta.

La squadra di Ficcadenti si muove bene e gestisce con ordine il possesso palla, mantenendo l’iniziativa e al 20’ raddoppia dopo un’azione confusa in area veneziana, con Dario Biasi che di testa insacca a porta vuota, con Benussi fuori causa.

Al 25’ Benussi compie un autentico miracolo sulla punizione di Adailton, che da 20 metri mette la palla all’incrocio dei pali. Il Venezia si fa vivo per la prima volta dalle parti di Vanstrattan al 29’ con un tiro alto sulla traversa di Rivaldo.

Al 31’ Tagliavento non concede un rigore ai gialloblù per un’evidente scorrettezza di Benussi su Behrami, fischiando anzi fallo contro il centrocampista scaligero.
Cossu e Behrami fanno il bello e il cattivo tempo, costringendo il tecnico Ribas a sostituire Grana con Miramontes.

Il Venezia ci prova ancora al 41’ con un tentativo a lato di Ginestra dai 25 metri, controllato con lo sguardo da Vanstrattan.
Al 46’ proprio Vanstrattan annulla un insidioso tiro di Ginestra su punizione, sul quale Tagliavento fischia la fine della prima frazione di gioco, che vede l’Hellas primeggiare sui lagunari per tiri in porta e possesso palla.

La ripresa comincia a ritmi molto bassi, ma il Venezia raggiunge il pareggio con una bella girata di Guidoni in area che al 52’ supera l’incolpevole Vanstrattan.

Al 58’ lo stesso Vanstrattan compie un doppio miracolo, mettendo il pallone in angolo sulla doppia conclusione di Ginestra.

Ficcadenti decide allora di cambiare qualcosa: Mazzola, acciaccato, esce e lascia il posto a Comazzi, mentre Myrtaj prende il posto di un esausto Bogdani.

I lagunari cominciano a credere nel pareggio e spingono con maggiore incisività: al 60’ al Venezia viene annullato un gol per fuorigioco di Guidoni. Poco dopo Ginestra viene sostituito da Biancolino.

Al 71’, sugli sviluppi di un corner, il Venezia trova il pareggio con Anderson, che salta indisturbato in mezzo all’area di rigore e di testa firma il 2-2.

Al 75’ Cossu lascia il posto a Martino Melis, che fa il suo esordio stagionale. Quattro minuti più tardi arriva il clamoroso vantaggio del Venezia con Guidoni che, ancora una volta lasciato incredibilmente solo dalla difesa gialloblù, mette a segno il 3-2 di testa e firma la personale doppietta.

Dopo tre minuti di recupero, Tagliavento fischia la fine della ripresa, durante la quale l’Hellas è letteralmente scomparso, lasciando l’iniziativa al Venezia che ne ha approfittato e ha conquistato i tre punti in palio.


Il tabellino

A.C. VENEZIA - HELLAS VERONA F.C. 3-2 (0-2)

Reti: 11’ Bogdani, 20’ Biasi; 52’ Guidoni, 71’ Anderson, 78’ Guidoni

A.C. VENEZIA
Benussi, Macaluso, Orfei, Giubilato, Grana (34’ Miramontes), Brellier, Anderson, D’Antoni, Rivaldo (86’ Ajide), Ginestra (63’ Biancolino), Guidoni. All. Ribas.

HELLAS VERONA F.C.
Vanstrattan, Cassani, Gervasoni, Biasi, Dossena, Behrami, Mazzola (60’ Comazzi), Guarente, Adailton, Bogdani (61’ Myrtaj), Cossu (75’ Melis). All. Ficcadenti.

Arbitro: Tagliavento di Terni
Ammoniti: D’Antoni, Behrami, Guarente, Myrtaj, Biasi
Recupero: 1' e 3'



Stefano Marchesi
Ufficio Stampa Hellas Verona F.C.

I contenuti sono liberamente riproducibili, salvo l’obbligo di citare la fonte hellasverona.it

Seguici anche su instagram