PESCARA-HELLAS VERONA 2-1: GIALLOBLU' BEFFATI AL 94' IN INFERIORITA' NUMERICA

12/Gennaio/2004 - 10:51



I gialloblù di Sergio Maddè tornano da Pescara senza punti e perdipiù con una sconfitta che ha il sapore della beffa, anche perchè giunta nei minuti di recupero, contro un avversario che con due tiri nello specchio della porta ha conquistato l'intera posta in palio.

La squadra scaligera si presena all'"Adriatico" priva di capitan Italiano per infortunio, sostituito nell'undici iniziale da Cristian Agnelli, autore di un'ottima prova. Maddè propone inoltre un inedito tandem offensivo formato da Myrtaj e Cossu, con un ispiratissimo Salvetti alle spalle.

La gara parte con il piede giusto, con un Verona determinato e aggressivo, che riesce a passare in vantaggio grazie ad un bellissimo gol proprio di Emiliano Salvetti al 16', che da fuori area batte Santarelli.

Il vantaggio gialloblù viene vanificato sei minuti più tardi quando da una punizione di Stella nasce il pareggio di Calaiò, abile a girarsi in area di rigore eludendo l'intervento di Biasi.

La ripresa inizia nel segno del neo entrato Papa Waigo (FotoExpress), che si distingue in positivo per alcune buone iniziative personali, oltre a due conclusioni, una di destro e una di testa, che finiscono a lato di un soffio.
Purtroppo la sua gara dura appena venti minuti: dopo aver rimediato un cartellino giallo per simulazione, si fa espellere per un fallo di reazione ai danni di Caccavale, lasciano i suoi compagni in inferiorità numerica.

La squadra risente della perdita di un uomo, ma riesce comunque a rendersi pericolosa con Adailton, subentrato a Cossu, che su calcio di punizione colpisce l'incrocio dei pali.
La gara sembra destinata a concludersi con un pareggio quando, al 4° minuto di recupero ancora Calaiò, tutto solo in area di rigore gialloblù, spedisce alle spalle di Zomer un cross dalla trequarti di Colonnello.

La sconfitta di Pescara è pesante dal punto di vista psicologico, dato che la squadra ha dimostrato per ampi tratti di avere la partita in mano. In vista dell'impegno casalingo di domenica prossima con il Como i ragazzi di Maddè dovranno lavorare per limitare certi errori di concentrazione che spesso e volentieri nel corso di questa stagione ci hanno fatto perdere punti importanti.

I contenuti sono liberamente riproducibili, salvo l’obbligo di citare la fonte hellasverona.it