HELLAS VERONA - AVELLINO 2-2, AI GIALLOBLU' NON BASTA UN GRANDE ITALIANO

10/Novembre/2003 - 10:59



L'Hellas viene fermato sul 2-2 in casa da un Avellino spregiudicato, ma concreto e aggressivo: un pareggio che scontenta sicuramente i tifosi gialloblù, anche perchè il pubblico del "Bentegodi" si aspettava senza dubbio una prestazione diversa dai ragazzi di Salvioni.

La formazione scaligera parte bene con una bella iniziativa di Cossu che sfiora il vantaggio. Ma l'Avellino non si fa intimorire e passa al contrattacco: poco prima della mezz'ora Tisci, in slalom tra i difensori gialloblù, batte Pegolo con un gran destro dal limite dell'area.

I gialloblù reagiscono bene sul finale del primo tempo ribalta la situazione: al 42' Florian Myrtaj realizza un rigore concesso per fallo di Millesi su Cossu, e riporta l'Hellas in parità. Al terzo minuto di recupero Vincenzo Italiano infila Cecere con un preciso pallonetto e porta in vantaggio la squadra scaligera.

Nella ripresa ancora un paio di occasioni per i gialloblù con Cossu e Waigo, che però vengono neutralizzate dal portiere avvversario Cecere.
Al 58' è invece ancora l'Avellino a proporsi in attacco, con Kutuzov che si lancia verso la porta di Pegolo e lo batte siglando la rete del 2-2.
Infine, l'espulsione di Biasi per fallo da ultimo uomo sullo stesso Kutuzov chiude definitivamente la porta alle speranze di vittoria della squadra scaligera, che si deve accontentare di un punto.

I contenuti sono liberamente riproducibili, salvo l’obbligo di citare la fonte hellasverona.it