HELLAS VERONA - PIACENZA 1-0: ZANCHI , UN GOL CHE VALE TRE PUNTI

07/Gennaio/2002 - 00:00



Era dal lontano 1989 che l'Hellas non vinceva la prima gara del nuovo anno in Serie A. Il tabù è stato sfatato al "Bentegodi" dall'1-0 contro il Piacenza di Novellino, squadra dalle notevoli individualità, ma giunta a Verona con un atteggiamento poco incisivo, quasi rinunciatario.

Scorrendo le formazioni, la novità è rappresentata dal ritorno in campo, dopo sei mesi di stop, di "Super Mike" Cossato, piazzato da Malesani al centro dell'attacco gialloblù. Per il resto, tutti confermati in casa Hellas.
Il campo del "Bentegodi" si rivela non ancora in perfette condizioni e il precario equilibrio degli uomini in campo, soprattutto nella prima frazione di gioco, lo dimostra.

I biancorossi tentano di attaccare la retroguardia scaligera puntando su lanci lunghi a scavalcare la metà campo, per il solito Hubner. Ma la squadra gialloblù, preparata a dovere contro questa eventualità, ha seguito alla lettera le indicazioni di mister Malesani, facendo cadere più volte gli attaccanti emiliani nella trappola del fuorigioco.
Si diceva di Cossato. Proprio lui, al minuto 16, crede ad un pallone svirgolato dalla difesa avversaria su tiro di Mutu e, saltando insieme al portiere Orlandoni, colpisce di testa la palla e, involontariamente, con un gomito, il suo avversario. La palla va in rete. 1-0? Presto per dirlo...
Arbitro e guardalinee vanno verso il centro del campo, Cossato va sotto la Curva Sud a raccogliere i meritati applausi. Ma la gioia dura pochi istanti. Orlandoni rimane a terra. Il direttore di gara, Rossi, dopo 5 minuti di interruzione del gioco, "consultatosi" con Novellino e i suoi giocatori decide di ascoltare le loro proteste e di annullare la rete gialloblù. Giustamente, aggiungiamo noi, se lo avesse fatto nell'immediato. E' clamoroso invece il suo atteggiamento: fa retromarcia, mette la palla in area ad indicare il punto dove è stato commesso il fallo. Orlandoni improvvisamente si riprende ed è in grado di proseguire la gara.

Si riparte dallo 0-0 iniziale, con i ragazzi di Malesani che seguitano a macinare il solito gioco impostato dal tecnico di S.Michele.
Il Piacenza tira avanti fino allo scadere dei primi 45 minuti, che tra l'altro registrano l'uscita di Cossato per un fastidio, riacutizzato dalle critiche condizioni del campo. Al suo posto Alberto Gilardino.

Nella ripresa l'Hellas comincia a fare sul serio e, dopo aver insistito a lungo, passa al 29' con Zanchi, che di piede corregge in rete la traiettoria della palla sugli sviluppi di un corner.
Da qui in poi il Piacenza è solo Orlandoni, bravo in varie occasioni a negare il raddoppio a Mutu e Camoranesi. L'espulsione di Matuzalem per doppia ammonizione non cambia le sorti di una vittoria ampiamente meritata da Colucci e compagni. Sugli scudi, tanto per cambiare, Mutu, Italiano e Zanchi, migliore in campo TELE+.

Si chiude l'andata a 25 punti traguardo insperato a inizio stagione. Siamo a +10 rispetto ad un anno fa, il traguardo primario del 2001/2002 è più vicino, ma non ancora raggiunto. Se ripeteremo nel girone di ritorno quanto visto fino ad oggi, magari con un po' di fortuna dalla nostra parte in certi frangenti, potremo toglierci delle belle soddisfazioni.
Per il momento, piedi per terra e rimboccarsi le maniche in vista della trasferta di Roma, sponda giallorossa.

I contenuti sono liberamente riproducibili, salvo l’obbligo di citare la fonte hellasverona.it