UDINESE - HELLAS VERONA 2 - 1: UNA SCONFITTA E MOLTI DUBBI ...

09/Dicembre/2001 - 18:02



Per la seconda volta consecutiva l'Hellas torna a casa da una trasferta con una sconfitta immeritata e generata, in parte, da episodi perlomeno discutibili e opinabili.
La rimonta e il vantaggio dei friulani, infatti, sono favoriti dall'espulsione di Seric a dieci minuti dal termine, sull'1-0 per i gialloblù.
Anche Muzzi nelle dichiarazioni del dopopartita ammetterà che la prestazione dell'Udinese è stata tra le peggiori offerte dai bianconeri in campionato. Tutto ciò aumenta il rammarico per una vittoria sfumata nel peggiore dei modi, dopo aver fatto la partita per ottanta minuti, sempre e costantemente alla ricerca del gol.

Nel primo tempo l'Hellas è manifestamente superiore giungendo vicino al vantaggio con Frick in almeno un paio di nitide occasioni; l'Udinese si rende pericolosa con qualche sortita in contropiede, soprattutto con Muzzi. Sul finire di tempo, Jorgensen esce per infortunio e i padroni di casa risentiranno per il resto della gara la mancanza di un uomo di fantasia.

Nella ripresa la musica non cambia, così come il ritmo che gli scaligeri impongono ai bianconeri.
Al 25' l'Hellas passa in vantaggio con Oddo, che dopo essersi fatto parare il rigore da Turci e ribattere la successiva conclusione di testa da Bertotto sulla linea di porta, sfrutta alla perfezione il cross di Camoranesi e la butta dentro.
L'Udinese resuscita improvvisamente in 11 contro 10, Helguera invece di un giallo per simulazione "trova" un rigore e Muzzi fa 1-1.
Ma non è finita. I friulani azzeccano il colpo del k.o. con Pinzi che, dopo una mischia in area, batte a colpo sicuro l'incolpevole Ferron.
La reazione dell'Hellas è immediata, ma in pochi minuti è impossibile rimediare ad una serie di "circostanze" così avverse, soprattutto in inferiorità numerica.

Le prossime tre gare sono quasi proibitive, Lazio in casa, Inter e Milan a San Siro. Ma visto il gioco e il carattere della squadra e del suo allenatore, è lecito anche aspettarsi qualche sorpresa...

I contenuti sono liberamente riproducibili, salvo l’obbligo di citare la fonte hellasverona.it