Serie A TIM: Hellas Verona-Juventus 2-1

08/Maggio/2016 - 22:26



Verona - Impresa al 'Bentegodi'. Un Verona già retrocesso si impone sulla Juventus prima della classe per 2-1. E' un Verona arrembante, vivo nello spirito e nelle giocate: nel primo tempo sono proprio i gialloblù a fare la partita, costringendo la Juventus a difendersi. Il risultato si sblocca al 43', quando Alex Sandro stende Pisano nell'area di rigore bianconera: è calcio di rigore. Di battere il penalty se ne occupa Toni, che con uno scavino beffa Neto. Un'ultima magia, la perla finale del bomber. Nel secondo tempo la musica non cambia: grazie ad un bel contropiede, il Verona agguanta il raddoppio al 10', a firma di Viviani che coglie l'assist di Ionita. Emerge l'orgoglio degli avversari e il Verona è costretto a barricarsi in difesa. Al 48' il gol della bandiera: Dybala batte Gollini dagli undici metri, ma il risultato non cambia: è il Verona a trionfare. Grandi emozioni anche nel finale, dove un Luca Toni visibilmente commosso si reca sotto la curva per salutare quel pubblico che chiama a gran voce il suo nome.

 

HELLAS VERONA-JUVENTUS 2-1

Marcatori: 43' pt Toni (rig.), 10' st Viviani, 48' st Dybala (rig.).

HELLAS VERONA (4-2-3-1): Gollini; Pisano, Bianchetti, Helander, Emanuelson; Viviani, Marrone (dal 35' st Greco); Wszolek, Ionita, Siligardi (dal 20' st Romulo); Toni (dal 40' st J. Gomez).
A disposizione: Coppola, Marcone, Samir, Jankovic, Gilberto, Furman, Moras, Checchin.
All.: Delneri.

JUVENTUS (3-5-2): Neto; Barzagli (dal 27' st Chiellini), Bonucci, Rugani; Cuadrado, Sturaro (dal 17' st Pereyra), Lemina, Asamoah (dal 36' st Padoin), Alex Sandro; Dybala, Zaza. 
A disposizione: Rubinho, Audero, Evra, Cassata, Favilli.
All.: Allegri.

Arbitro: Maresca di Napoli.
Assistenti: Musolino e Gava.

NOTE. Espulso: al 47' st Alex Sandro per somma di ammonizioni. Ammoniti: Siligardi, Zaza, Lemina, Marrone, Helander. Spettatori: 23.423 (paganti: 10.156; abbonati: 13.267).